• Provider

Presentazione

In terapia intensiva, nell’attuale pratica clinica, le catecolamine rappresentano la chance terapeutica di prima linea per il trattamento dell’ipotensione durante lo shock settico.
Nonostante la riconosciuta efficacia come vasopressore, il rapporto rischio/beneficio di noradrenalina, soprattutto a dosaggi medio-alti (superiore ai 15 μg/min – microgrammi al minuto) viene sbilanciato verso gli effetti collaterali tra cui sofferenza respiratoria, stress metabolico ossidativo e, in particolare, tossicità cardiaca e renale. Per tali motivi, molti clinici sostengono sia importante procedere da un punto di vista terapeutico alla “deaminizzazione” del paziente, ovvero diminuire la dose di noradrenalina somministrata. Un esempio di “deaminizzazione” può essere rappresentato dalla somministrazione concomitante di noradrenalina con un altro vasopressore.
Tale approccio terapeutico ha come razionale quello di sfruttare due meccanismi d’azione per raggiungere in modo più veloce e significativo un aumento e stabilizzazione della Pressione Minima Arteriosa (MAP) e allo stesso tempo di diminuire la dose di noradrenalina somministrata.

 

Le Linee Guida Surviving Sepsis Campaign del 2016 indicano che la vasopressina può essere aggiunta alla noradrenalina con l’intento di aumentare e raggiungere il target clinico della Pressione Minima Arteriosa (MAP) (≥65 mmHg - millimetro di mercurio) o diminuire il dosaggio di noradrenalina. Argipressina è un ormone coinvolto nella regolazione della pressione arteriosa e dell’osmolarità, attraverso l’attivazione dei recettori V 1 (recettori della vasopressina che si trovano a livello della muscolatura liscia dei vasi sanguigni) e V 2 (recettori della vasopressina che mediano l’effetto antidiuretico della vasopressina). In particolar modo l’interazione di Argipressina con i recettori V 1 è responsabile dell`effetto vasocostrittore mentre l’interazione della molecola con i recettori V 2 stimola l’assorbimento di acqua a livello renale. L’associazione noradrenalina/argipressina ha un effetto di ‘risparmio’ sulle dosi dell’ammina, il sinergismo dei due meccanismi d’azione si traduce in una migliore stabilizzazione emodinamica del paziente con un miglior profilo di safety renale e cardiaco.

Programma

Moderatore: Luigi Tritapepe


Ore 17:00-17:25 Argipressina nello shock settico
Alfredo Del Gaudio 

 

Ore 17:25 - 17:50 Argipressina nella sindrome vasoplegica
Fabrizio Monaco

 

Ore 17:50-18:00 Discussione sui temi trattati in precedenza
Alfredo Del Gaudio, Fabrizio Monaco, Luigi Tritapepe

Responsabili

Docente

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Allergologia ed immunologia clinica
  • Anatomia patologica
  • Anestesia e rianimazione
  • Angiologia
  • Audiologia e foniatria
  • Biochimica clinica
  • Cardiochirurgia
  • Cardiologia
  • Chirurgia Generale
  • Chirurgia Maxillo-facciale
  • Chirurgia pediatrica
  • Chirurgia plastica e ricostruttiva
  • Chirurgia toracica
  • Chirurgia vascolare
  • Continuita assistenziale
  • Cure Palliative
  • Dermatologia e venereologia
  • Direzione medica di presidio ospedaliero
  • Ematologia
  • Endocrinologia
  • Epidemiologia
  • Farmacologia e tossicologia clinica
  • Gastroenterologia
  • Genetica medica
  • Geriatria
  • Ginecologia e ostetricia
  • Igiene degli alimenti e della nutrizione
  • Igiene, epidemiologia e sanita pubblica
  • Laboratorio di genetica medica
  • Malattie dell'apparato respiratorio
  • Malattie Infettive
  • Malattie metaboliche e diabetologia
  • Medicina aereonautica e spaziale
  • Medicina del lav. e sicurez. degli amb. di lav.
  • Medicina dello sport
  • Medicina di comunita'
  • Medicina e chirurgia di accettaz. e di urgenza
  • Medicina fisica e riabilitazione
  • Medicina generale (Medici di famiglia)
  • Medicina interna
  • Medicina legale
  • Medicina nucleare
  • Medicina subacquea e iperbarica
  • Medicina termale
  • Medicina trasfusionale
  • Microbiologia e virologia
  • Nefrologia
  • Neonatologia
  • Neurochirurgia
  • Neurofisiopatologia
  • Neurologia
  • Neuropsichiatria infantile
  • Neuroradiologia
  • Oftalmologia
  • Oncologia
  • Organizzazione dei servizi sanitari di base
  • Ortopedia e traumatologia
  • Otorinolaringoiatria
  • Patologia clinica
  • Pediatria
  • Pediatria (pediatri di libera scelta)
  • Privo di specializzazione
  • Psichiatria
  • Psicoterapia
  • Radiodiagnostica
  • Radioterapia
  • Reumatologia
  • Scienza dell'alimentazione e dietetica
  • Urologia

Farmacista

  • Farmacia Ospedaliera

Infermiere

  • Infermiere
leggi tutto leggi meno

Allegati

Con la partecipazione non condizionante di